L’importanza dei Social nelle PMI
Contattaci per Informazioni

Per Maggiori Informazioni


Torna a Blog
Social-Networks

Condividi questo post

L’importanza dei Social nelle PMI

Qualche mese fa abbiamo lanciato un’indagine online per capire Come e Quanto le Aziende Italiane Utilizzano i Social Network (guarda i Risultati), oggi invece andremo ad approfondire quanto sia importante l’utilizzo dei Social Network nelle realtà aziendali più diffuse nel nostro Paese: le Micro e Piccole Medie Imprese.

Queste realtà aziendali impiegano l’82% dei lavoratori (ben oltre la media Ue) e rappresentano il 92% delle imprese attive in Italia. Direi che non serve ribadire quanto siano importanti le PMI per l’intero tessuto economico Nazionale e non serve neanche sottolineare quante conoscenze specifiche (know how) siano nelle mani di questi piccoli imprenditori e dei loro collaboratori.

I canali social hanno completamente trasformato le modalità di comunicazione tra azienda e cliente:

  • Facilitando il processo di Brand Awareness (che approfondiremo poi)
  • Aumentando le interazioni tra i consumatori, che possono scambiare opinioni, esperienze e vissuti legati ad un Brand o ad un prodotto specifico.

Risulta chiaro, dunque, come la Trasparenza del Brand diventi un qualcosa di fondamentale per potersi differenziare dai Competitors e per creare rapporti di qualità e fiducia tra Impresa e Consumatore finale.

L’utilizzo dei Social Network può venire in aiuto proprio in questa fase: diffondere un messaggio chiaro, trasparente e rispettoso dei principi e delle promesse del Brand.

La principale premessa a tutta l’attività è la realizzazione di una Social Media Strategy in linea con i principi dell’azienda. Parlare di strategia digitale significa conoscere anzitutto la necessità di un approccio perfettamente integrato con il concetto di Brand Identity.

Una presenza costante sui social network permette un’Interazione continua con il proprio Pubblico, facilitando lo studio e la Raccolta delle Esigenze più specifiche dei propri clienti.

Questo non è semplicemente un nuovo modo di fare marketing ma è un nuovo modo di fare impresa.

Un buon consiglio, per la redazione di un Piano Editoriale, è quello di intercettare quei micro bisogni del “pubblico connesso” (monitorando ad esempio i commenti o i messaggi ricevuti dagli utenti) per poter poi proporre Contenuti di Valore che rispondano esplicitamente alle richieste rilevate (questa attività fa parte della Strategia di Content Marketing). Solo così l’impresa può diventare un soggetto di Relazione per le Esigenze Quotidiane delle persone.

social-network

È fortemente consigliato affidarsi ad una Società esterna o ad uno “specialista” dei Social Network che possa trasferire il “Tone of Voice” del Brand su tutti i canali di comunicazione nel pieno rispetto dei Valori Aziendali.

Intercettare, interagire e affiliare il pubblico con i Social Network tramite Brand Awareness e Lead Generation

brand awareness social networkSe per avere Maggiore Visibilità e ottenere un Vantaggio Competitivo è necessario focalizzarsi sull’attività di Brand Awareness, per Intercettare Nuovi Utenti e trasformarli in Clienti sono necessarie attività di Lead Generation.

Vediamole nel dettaglio:

Brand Awareness

La Brand Awareness è un parametro che indica quanto e come il Brand e i Prodotti siano conosciuti e percepiti nella mente del Consumatore; viene creata sia dal Brand stesso sia dalle Persone che utilizzano il Marchio.

Queste persone consigliano i Prodotti alla propria rete di Amici Virtuali, condividendo e pubblicando Notizie nei loro Profili Personali.

Proprio per questo motivo è importante mantenere la Community Social aggiornata, introducendo nel Piano Editoriale contenuti di Branding, come ad esempio:

  • Contenuti divertenti e interattivi che stimolino l’interazione e suscitino una reazione positiva
  • Aggiornamenti e notizie di Tendenza (Topics) per “essere sempre sul pezzo”
  • Contenuti Informativi che aiutino gli utenti e che rispondano alle loro domande/richieste
  • Articoli/Interviste legate al Brand su riviste di settore, blog

Queste attività facilitano la creazione di un rapporto di fiducia con i propri clienti che saranno più propensi a condividere all’interno della propria cerchia di conoscenze la propria esperienza con il Brand.

È inutile ribadire che non esiste tecnica di Marketing più efficace del passa-parola e la sua incidenza è stata moltiplicata esponenzialmente dall’utilizzo dei Canali di Comunicazione moderni. Dunque, perché non cogliere questa opportunità?

Lead Generation

Fare Lead Generation vuol dire conoscere approfonditamente il proprio Pubblico:

  • Rapporto con il Brand
  • Esigenze e richieste
  • Prodotti del Brand con maggiore interesse
  • Miglior modo di Engagement

Lo studio puntuale del Pubblico e delle informazioni che vengono condivise sui Social permette di incrociare gli interessi degli utenti con quelli delle Buyer Personas: modelli immaginari che descrivono in modo “dettagliato” il Cliente Tipo del Brand.

L’individuazione delle Buyer Personas è alla base delle attività di Lead Generation in quanto permettono di conoscere in modo approfondito il proprio pubblico ideale.

Ma cos’è la Lead Generation?

La Lead Generation è l’insieme delle Attività che, coinvolgendo diversi Strumenti (SEO, Email Marketing, SEM), permette la creazione di una Lista di Persone realmente interessate al Prodotto o al Servizio offerto e su cui concentrare le iniziative volte alla Conversione (passaggio da utente a cliente).

Pur coinvolgendo diversi strumenti, i Social Network restano comunque un buon punto di partenza per la definizione delle Buyer Personas e per l’ideazione di strategie di Lead Generation.

Stefano C.

Per approfondire l’argomento o per realizzare la tua strategia Social contattaci senza impegno.

Torna a Blog